venerdė 24 maggio 2019


Ultimissime:


Politica
venerdė, 15  marzo 2019



19:46:00
Il Tour della Bellezza fa tappa a Barletta
Un distillato di idee



Un distillato di idee. È quanto scaturito ieri, giovedì 14 marzo, dalla settima tappa di quello che è
stato denominato “Il tour della Bellezza”, un coinvolgente “Giro della Puglia”, proposto
dall’assessorato regionale all’Urbanistica per presentare la proposta di “Legge sulla Bellezza”.
L’incontro è stato ospitato nel Future Center, realizzato rigenerando parte delle ex distillerie di
Barletta.
Punto focale, a Barletta come nelle altre tappe del tour, è stato lo spirito della condivisione, nel
segno del confronto, della partecipazione, della capacità di avanzare proposte. Appunto, di
distillare idee, suggestioni, persino visioni in un costante processo partecipativo con la gente.
Il convegno, con il coordinamento giornalistico di Annamaria Natalicchio e Vito Prigigallo, è stato
aperto dall’intervento del consigliere comunale di Barletta Antonello Damato, che ha portato i
saluti del sindaco della città della Disfida, Cosimo Cannito. Damato ha sottolineato l’efficacia, in
prospettiva, delle tre “erre” che rappresentano uno degli assi portanti della normativa:
rigenerazione, riuso, recupero.
Ha preso poi la parola il consigliere regionale Sabino Zinni, che ha elogiato il metodo che si sta
utilizzando per presentare il ddl: una scommessa anche questa – ha detto il notaio andriese -,
come gli stessi contenuti della norma che, si badi bene, non sono poetici, anche se, dal manifesto
al testo di legge, non mancano certo gli accenti poetici.
Quindi è toccato ai rappresentanti degli ordini professionali. Giuseppe Carpagnano, consigliere
degli “Ingegneri” della Provincia BAT, si è detto entusiasta della proposta, accennando alla bellezza
esito di giustizia e onestà.
Paolo D’Addato, presidente degli Architetti della sesta provincia, si è riferito al diritto di ciascuno
di vivere in un ambiente non degradato, rimarcando come gli architetti si dedichino al bello e sono
testimoni di bellezza.
Fedele Capuano, segretario dell’Ordine provinciale dei Geometri, ha accennato, a proposito dei
cosiddetti “detrattori”, al fatto che la legge si occupi anche di bruttezza.
Dopo l’intervento di Michele Dibenedetto, consigliere dell’ordine in rappresentanza dei Geologi
della Puglia, è toccato al presidente del Future Center, Francesco Divenuto.
Una tappa, quella di Barletta, che ha visto la partecipazione di numerosi cittadini e tecnici. Quella
stessa gente che si vuole trasformare in un “Esercito della Bellezza”, come illustrato da Nicola
Genco, l’artista putignanese autore dell’opera adottata come grafica per il Tour.
Chiamati a portare un contributo anche la senatrice Assuntela Messina (“Anche a Roma stiamo
lavorando sulla rigenerazione urbana e sul consumo di suolo zero – ha detto la senatrice-: e quindi
l’auspicio è che i due flussi virtuosi si incrocino), e il consigliere regionale Francesco Ventola.
Secondo l’ex sindaco di Canosa ed ex primo presidente della BAT, la costruzione della Sesta
Provincia è proprio un esempio di processo dal basso.

“Anche qui tocchiamo con mano la bellezza del territorio. E allora posso dire che il dna della
Puglia è il bello”. Questo l’esordio dell’assessore regionale Alfonsino Pisicchio. Un territorio che
diventa territori che diventano mosaico che diventano la nostra ricchezza, il nostro patrimonio. Da
esaltare con la ricerca di nuovi e di vecchi spazi delle relazioni sociali. Una proposta di legge che da
un lato esalta la valorizzazione della bellezza, dall’altra prova la rimozione dei detrattori di
bellezza. In una terra e in una materia che ha una contraddizione di fondo: da una parte molte
norme a tutela del patrimonio paesaggistico e, dall’altra, tanti, troppi casi di abusivismo”.
La prof.ssa Laura Marchetti, docente di Didattica delle Culture all'Università di Foggia, ha proposto
un excursus storico con le varie “leggi sulla bellezza”, da Benedetto Croce alla Costituente. Quindi
ha sostenuto che l’identità non deve e non può essere una fortezza, deve e può essere aperta,
esattamente come Castel del Monte, concentrato di tante culture. Ha concluso con l’appassionato
invito: l’architettura non può non pensare al territorio, non può non partire da esso e dalle sue
specificità.
Imprenditore, manager culturale, tra i componenti del “Collegio degli Esperti” voluto dal
Governatore Michele Emiliano, Vito Labarile, che con la Marchetti, ha contribuito alla stesura del
“Manifesto per la legge regionale sulla bellezza”, è partito proprio dall’assioma divenuto titolo del
Manifesto: “La bellezza conviene”. L’ingegnere si è soffermato sul gap della competitività, terreno
su cui si gioca la grande, determinante partita della crescita, dello sviluppo. La Puglia deve
presentarsi – ha detto l’ingegnere – come mosaico di territori in competizione tra loro a patto che
riesca a fare sistema. E qui il ruolo arbitrale della politica, del decisore politico, è fondamentale.
“La rigenerazione urbana deve diventare pratica corrente. Non si può fare riferimento a tale
operazione solo quando sono in ballo finanziamenti pubblici”, ha detto il prof. Francesco Selicato,
ordinario al Politecnico di Bari. L’ingegnere si è poi augurato che al più presto tutti i comuni della
BAT si dotino del PUG, il Piano urbanistico generale: all’interno del quale deve essere centrale,
corrente e coerente la logica della rigenerazione.
L’architetto Stefano Serpenti ha illustrato la struttura della proposta di legge, proponendo una
sintesi di una normativa urbanistica a forti contenuti innovativi.
È il Teatro Pubblico Pugliese a curare l’animazione delle tappe del tour, arricchite da spettacoli che
vogliono essere espressione dei territori. Anche a Barletta il portatore sano di ironia è stato
Antonio Stornaiolo, che ha condotto il talk-show svoltosi nello stesso salone del Patto Territoriale
per l’Occupazione Nord Barese-Ofantino, una delle iniziative ospitate dal “Centro del Futuro”. Le
parole dei protagonisti del talk dello stesso assessore Pisicchio, del consigliere regionale Zinni e
dell’ing. Selicato sono state sottolineate ed esaltate dagli intermezzi musicali proposti dai ragazzi
del liceo classico e musicale Alfredo Casardi di Barletta, rappresentato anche dal dirigente
scolastico Giuseppe Lagrasta. I ragazzi, prima con una session di archi, poi di fiati, hanno proposto
la reinterpretazione di celeberrimi brani di Bizet, di Strauss, di Čajkovskij e Mozart.
La prossima tappa, l’ultima del “tour della bellezza” prima del gran finale a metà maggio, a Bari, è
fissata per giovedì 28 marzo a Lecce.


Redazione








PD, domani l'Assemblea Provinciale

Spaccio stupefacenti, 5 fermi