domenica 14 aprile 2024




Ultimissime:


Attualita
venerdė, 17  marzo 2023



08:42:00
Opere di De Nittis donate a Barletta. Presentato il catalogo a Roma
Cannito: “ Non ci fermeremo con la stupenda esperienza di Washington”



“L’evento di ieri è la dimostrazione che vogliamo continuare ad investire nella valorizzazione dell’inestimabile patrimonioculturale di Giuseppe De Nittis che Leontine, donna di grande fascino, ha voluto generosamente donare alla città con un rogito nel 1912. Non ci fermeremo con la stupenda esperienza di Washington e vogliamo proporre il nostro più importante ambasciatore culturale a Londra, a Milano, all’Expo 2025 di Osaka. Ciò vuol dire che c’è un impegno non solo dell’Amministrazione comunale ma di tutte le istituzioni dello Stato per  continuare a raccontare questa splendida storia pugliese di amore per l’arte, la bellezza e la cultura.”

 

Queste le parole del Sindaco Cosimo Cannito alla presentazione del catalogo generale delle opere di Giuseppe De Nittis, donate dalla moglie Léontine Gruvelle alla città di Barletta, tenutasi questo pomeriggio a Roma nella Sala Capitolare del Senato della Repubblica presso il Chiostro del Convento di Santa Maria Sopra Minerva. 

La pubblicazione, edita da Gangemi editore, è curata dall’esperto conoscitore del De Nittis Renato Miracco.

“La presentazione del catalogo in una sede istituzionale come quella del Senato - ha evidenziato il curatore - è veramente una tappa miliare nella carriera critica di De Nittis ed è un momentofondamentale anche per il fattivo sostegno che il Ministero della Cultura ha dato sia a favore del catalogo della mostra americana sia per il catalogo da me curato. Abbiamo espanso e allargato l’influenza del De Nittis anche ad altri studiosi internazionali che  ne stanno cogliendo degli aspetti che magari a noi sfuggivano. Sicuramente - ha continuato Miracco - anche il prestito per dueanni proveniente da Indianapolis della Strada tra Napoli e Brindisi, che ora è visitabile a Barletta, è un’altra di quelle tappe. Come io dico e ribadisco in questi giorni, siamo solo all’inizio e questo nuovo capitolo della carriera di De Nittis è appena alle prime pagine”.

Di altissimo livello culturale gli interventi, coordinati dal giornalista del TG2 RAI Adriano Monti Buzzetti e succedutisi dopo i saluti dei Senatori Dario Damiani e Filippo Melchiorre, da parte del Primo presidente emerito della Corte Suprema di Cassazione Pietro Curzio, del Presidente della Conferenza dei Presidenti delle Accademie di Belle Arti Giuseppe Soriero, del critico d'arte Giorgio Di Genova, in rappresentanza della LUISS Guido Carli e di Gangemi, di Francesco Mario Spanò, del Capo della segreteria tecnica del Ministro della Cultura Emanuele Merlino e dell’Assessore alla Cultura Oronzo Cilli che ha concluso la presentazione. 


 


Redazione



sindaco-mino-cannito casa-giuseppe-denittis







Anche Barletta presente al "Cities Forum 2023" di Torino

Dalla manifestazione di Cutro, un messaggio di lotta per i diritti