giovedý 21 gennaio 2021


Ultimissime:


Attualita
giovedý, 19  novembre 2020



09:47:00
“Diaitamed": a Barletta un progetto "per mangiare bene" a tavola
L'educazione alimentare oggi rappresenta uno strumento funzionale al raggiungimento di un corretto stile



L’educazione alimentare oggi rappresenta uno strumento funzionale al raggiungimento di un corretto stile di vita, equilibrato e bilanciato, seguendo regole ben precise dettate dal fabbisogno personale e dalla metodica a cui la nostra vita quotidiana ci relega e da cui dobbiamo sottrarci. Esiste, pertanto, un modo per mangiare bene senza privarsi della qualità e del buon cibo. 

Un rimedio messo in campo da una professione innovativa e contestualizzata al campo della nutrizione, ovvero il coaching alimentare. Questo è il ruolo attaverso cui oggi, il Dott. Ruggiero Grieco, biologo nutrizionista, opera per mezzo del suo progetto DIAITAMED, educando il consumatore ad una scelta consapevole e responsabile dei cibi che decide di portare a tavola, come ha raccontato durante la rubrica informativa professionale di “Adopt Me Italy” tutti i sabato pomeriggio, direttamente dalla pagina Facebook della neo start up innovativa pugliese, ideata da Antonio Vaccariello e Lucia Delvecchio, giovani ragazzi barlettani figli di agricoltori pugliesi, la cui Mission è favorire nel nostro territorio l’adozione di alberi di ulivo.

Il Dott. Grieco sposa la Mission di “Adopt Me Italy” e adotta il suo personale albero di ulivo che porta il nome del suo progetto “Diaitamed”, supportandone così le finalità principali che mirano ad abbattere le distanze tra produttore e consumatore di olio, favorire la filiera corta, e aiutare un agricoltore e produttore di olio della nostra terra pugliese, scavalcando i vincolanti e spesso penalizzanti dettami di mercato innescando, invece, un processo one to one attraverso il meccanismo di adozione di alberi di ulivo attivato da “Adopt Me Italy”.

L’appartenenza è un sentimento molto importante per chi si sente vicino, anche quando è lontano, dalla propria terra per ragioni e dinamiche di forza maggiore, e il dott. Grieco è un esempio. Barlettano Doc, trapiantato a Roma, città in cui vive da anni e dove svolge la sua professione di biologo – nutrizionista, il dott. Grieco ha un cuore che batte forte per la Puglia tanto che ha deciso di portare il progetto Diaitamed a Barletta, nella sua città natale, dove sono conservati e custoditi gelosamente i suoi ricordi legati all’infanzia e dove, racconta, è nata la passione e l’amore per l’olio. Questa è la fortuna di crescere all’interno di famiglie pugliesi che per mezzo dei nonni, dei padri ti consentono di vivere esperienze indimenticabili a contatto con la natura lasciando nei ricordi di un bambino, che poi si fa uomo, segni forti e sani.

Ecco perché il dott. Grieco è affezionato all’olio evo inteso come prodotto di qualità da utilizzare costantemente nel proprio piano alimentare, promuovendo, peraltro, una semplice merenda, che lui ama chiamare “Regina delle merende” a base di pane integrale, 40 gr, accompagnato da circa due cucchiaini di olio evo, che forse nessuno di noi mangerebbe optando piuttosto per la frutta, merenda più comunemente consumata.

Questa regina delle merende a base di olio evo rappresenta il segreto che garantisce il giusto fabbisogno a coloro che costantemente svolgono attività fisica, poiché restituisce un vero e proprio senso di sazietà, grazie alla ricca presenza di polifenoli e molecole aromatiche in esso contenuti, perciò, sostiene il Dott. Grieco, l’azione benefica dell’olio Evo non si limita solo all’olfatto, ma si prolunga anche durante il procedimento di digestione degli alimenti e questo è un motivo in più per scegliere sempre e solo olio evo, per mantenere una linea alimentare equilibrata. Se anche tu vuoi adottare il tuo albero di ulivo e quindi, seguire i consigli del Dott. Grieco circa l’olio evo, fallo con "Adopt Me Italy", andando sul sito ufficiale www.adoptmeitaly.it
 


Redazione



alimenti







Verso zona rossa, Damiani: "Il ministro valuti le omissioni dei vertici regionali"

“Inclusione sociale e lotta al disagio": a Barletta i genitori tornano tra i banchi