sabato 20 luglio 2024




Ultimissime:


Attualita
venerdė, 7  luglio 2023



08:30:00
Frodi, Coldiretti Puglia: "Tolleranza zero contro attacco ad agroalimentare"
Il settore della pesca in Puglia che vale 225milioni di euro



Serve tolleranza zero sulle frodi che mettono a rischio l’agroalimentare e la gastronomia pugliese, con il settore della pesca in Puglia che vale 225milioni di euro, grazie ad una flotta operante lungo le coste pugliesi costituita da 1.455 battelli che rappresenta il 12,3% del totale nazionale.  E’ quanto afferma Coldiretti Puglia, in relazione alla contestazione da parte della Procura di Trani a titolari e dipendenti di aziende ittiche di Bisceglie di associazione per delinquere finalizzata all'adulterazione di sostanze alimentari, frode e falso inerenti l'attività di produzione e commercio di prodotti ittici in tutto il Paese.

"Dal pesce al pane fino ai dolci, l’agroalimentare è diventato un settore prioritario di investimento della malavita con un business criminale che ha superato i 24,5 miliardi di euro. La criminalità comprende la strategicità del settore in tempo di crisi economica perché – continua la Coldiretti – consente di infiltrarsi in modo capillare nella società civile e condizionare la via quotidiana delle persone. Non solo si appropriano di vasti comparti dell’agroalimentare e dei guadagni che ne derivano, distruggendo la concorrenza e il libero mercato legale e soffocando l’imprenditoria onesta, ma – precisa la Coldiretti – compromettono in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei prodotti, con l’effetto indiretto di minare profondamente l’immagine dei prodotti italiani ed il valore del marchio Made in Italy."

"Con i classici strumenti dell’estorsione e dell’intimidazione le agromafie impongono l’utilizzo di specifiche ditte di trasporti, o la vendita di determinati prodotti agli esercizi commerciali, che a volte, approfittando della mancanza di liquidità, arrivano a rilevare direttamente grazie – rileva la Coldiretti – alle disponibilità di capitali.

I risultati dell’attività di contrasto confermano la necessità di tenere alta la guardia e di stringere le maglie ancora larghe della legislazione – conclude Coldiretti Puglia - con la riforma dei reati in materia agroalimentare perché l’innovazione tecnologica e i nuovi sistemi di produzione e distribuzione globali rendono ancora più pericolose le frodi agroalimentari che per questo vanno perseguite con un sistema punitivo più adeguato con l’approvazione delle proposte di riforma dei reati alimentari presentate da Giancarlo Caselli, presidente del comitato scientifico dell’Osservatorio Agromafie."



Redazione



coldiretti alimenti







"Work-Aut": da Barletta a Bruxelles: i Ciceroni di Palazzo Della Marra

Barletta Calcio, in trattativa con Marconato