martedė 29 novembre 2022




Ultimissime:


Attualita
sabato, 1  ottobre 2022



16:01:00
Sicurezza immobili scolastici, il sindaco di Barletta risponde al PD
"Cari Cittadini, purtroppo c'è chi usa la politica come mezzo per svilire l'impegno di chi invece la politica la intende come servizio"



L’Amministrazione Cannito ha sempre messo in primo piano la scuola, come luogo di formazione, e la sicurezza e la tutela degli immobili scolastici a garanzia della incolumità degli alunni e degli operatori. Ne sono conferma gli interventi effettuati per la riapertura della scuola D’Azeglio, chiusa da due anni e che nessuno aveva avuto il coraggio di riaprire; la lotta contro la politica burocratica della Provincia BAT per la ripresa dei lavori e il completamento della scuola di via Morelli; il trasferimento della scuola materna Fraggianni  precedentemente allocata in sottani inidonei ad ospitare i bambini e trasferita con risolutezza  definitivamente nell’immobile scolastico di appartenenza.

Ciò premesso, da responsabile della nostra Comunità nonché da padre e da nonno, comprendo la preoccupazione delle famiglie allarmate dai comunicati  dei consiglieri comunali  del PD. Voglio precisare che ho sempre intrattenuto rapporti di costante collaborazione e di confronto con i dirigenti scolastici.
Questa Amministrazione comunale è consapevole della necessità di intervenire con lavori di manutenzione circa le problematiche già a conoscenza degli uffici tecnici,  per questo motivo, ancor prima dell’inizio dell’anno scolastico, ha incontrato tutti i dirigenti  degli istituti di sua competenza .
 Il proficuo incontro tra i dirigenti e l’Amministrazione è  stato seguito poi da numerosi sopralluoghi compiuti dagli assessori al ramo e dai tecnici comunali in tutte le scuole, al fine di trovare soluzioni immediate e risolutive. 
 
Ciò premesso l’allarme diffuso dai consiglieri del PD appare  un vero e proprio  “sciacallaggio politico” finalizzato a nascondere le proprie responsabilità piuttosto che un sincero interessamento alla risoluzione delle problematiche riguardanti il mondo della scuola.
A tal proposito sorgono spontanee alcune domande:
Dov’era il PD negli ultimi decenni in cui ha governato la nostra città?
Nel periodo in cui ha amministrato quali incisivi interventi ha realizzato per impedire il deperimento degli immobili scolastici comunali?
Perché i consiglieri del PD non rappresentano anche la situazione delle scuole provinciali? Forse perché la Provincia è a guida PD?
 
Oggi questa Amministrazione, a causa dell’inerzia irresponsabile delle precedenti che, si ribadisce, negli ultimi 20 anni sono state a guida PD, si trova a fronteggiare una situazione di emergenza e depauperamento del patrimonio immobiliare scolastico abbandonato. Capisco che la diatriba politica non interessa al cittadino il quale pretende, a ragion veduta, la risoluzione dei problemi. Pertanto preferisco informare i cittadini di ciò che è stato fatto e realizzato.
  
Gli uffici tecnici hanno già provveduto a elaborare progetti di manutenzione straordinaria su ogni scuola di competenza comunale.
Per rispondere alle demagogiche quanto sterili accuse del gruppo PD si comunicano a titolo esemplificativo ma non esaustivo, gli interventi effettuati già dalla prima amministrazione Cannito:
Riapertura scuola Collodi chiusa da circa due anni;
Lavori nei bagni della scuola Musti;
Lavori di manutenzione straordinaria dei solai e parapetti della scuola “Fieramosca” di via Botticelli;
Lavori di manutenzione straordinaria dei solai della zona auditorium della scuola “Girondi” di via Zanardelli, chiusa da due anni;
Lavori di manutenzione straordinaria per un costo di 510 mila euro per l’efficientamento energetico delle palestre di quattro plessi scolastici quali  Fraggianni, Fieramosca (Via Botticelli), Renato Moro e   Dimiccoli (le palestre sono state consegnate agli alunni la settimana scorsa);
Realizzazione di una area ludica esterna nelle scuole D’Azeglio, Fraggianni e Collodi.
Rifacimento di un tratto del muro di cinta del plesso centrale della scuola Fieramosca che versava in stato di pericolo da diversi anni;
Rimozione e sostituzione, per sospetta presenza di fibre di amianto, della pavimentazione degli atri interni della scuola Fraggianni destinati ad attività ludiche della scuola dell’infanzia;
Recentissima realizzazione di due nuove aule presso l’istituto scolastico VII° circolo di via Dei pini;
Interventi per la somma di circa 500 mila euro in quasi tutte le scuole comunali durante la pandemia, in conformità alle norme anti covid 19.
Nello specifico della scuola Rodari comunico che, insieme all’assessore Lucia Ricatti e agli uffici tecnici, era già stato previsto l’intervento di circa 600 mila euro sui solai e parapetti della stessa che inizierà a breve utilizzando la procedura della somma urgenza. 
 
Sono inoltre in corso molte altre attività di riqualificazione di vari ambienti scolastici di tutti i plessi cittadini oltre a interventi di ordinaria manutenzione.
 
Cari Cittadini, purtroppo c’è chi usa la politica come mezzo per svilire l’impegno e la passione di chi invece la politica la intende come servizio. Voglio rassicurare i consiglieri del PD che io e l’assessore Lucia Ricatti non siamo affatto in una condizione di “torpore”.  Ai consiglieri in questione comunico che comprendo come
 la privazione del potere che eravate abituati ad esercitare vi provoca confusione e vi fa dire quotidiane sciocchezze con l’intento di dare un senso politico alla vostra presenza.
Noi continueremo a lavorare con l’intento di perseguire il bene comune.
 
 
 


Redazione



sindaco-mino-cannito partito-democratico scuole







Cadono calcinacci nella scuola “Pietro Mennea”, PD: "Cannito esca dal torpore"

Disfida di Barletta, la città ricorda la storica battaglia