martedì 29 novembre 2022




Ultimissime:


Attualita
martedì, 20  settembre 2022



08:44:00
Disabili e persone fragili, sostegno ai caregiver: il ddl del senatore Dario Damiani
"Il nostro sistema di welfare locale è chiamato a farsi carico dei bisogni specifici di queste persone"



L'incidenza della popolazione anziana in Puglia è pari al 19% in media nelle diverse province. Le persone con problematiche di disabilità sono invece circa 180 mila, pari al 4,5% della popolazione, e circa 23 mila gli utenti di neuropsichiatria infantile. Numeri significativi, che evidenziano la necessità di predisporre serie e attente politiche per la cura delle persone fragili, siano esse anziani, disabili o famiglie con bambini affetti da patologie neuropsichiatriche.

"Il nostro sistema di welfare locale è chiamato a farsi carico dei bisogni specifici di queste persone: dalla socializzazione e relazione fino alla cura nei casi di non autosufficienza. Ho sempre dedicato grande attenzione a queste problematiche nel corso della mia attività politica e di recente, da parlamentare, ho presentato anche un apposito disegno di legge sul sostegno ai caregiver, che riprenderà il suo iter in Parlamento dopo le elezioni - dichiara il senatore di Forza Italia, uscente e ricandidato, Dario Damiani -

Un'offerta assistenziale completa sul territorio deve comprendere l'erogazione di servizi semiresidenziali, come i Centri diurni che sostituiscono in parte il domicilio per alcune ore; servizi residenziali che diventano alternativi al domicilio o temporaneamente in situazioni particolari o stabilmente quando esistono condizioni irreversibili; servizi che favoriscano la permanenza al proprio domicilio. Rimanere nel proprio domicilio, luogo carico di significati affettivi, è diritto fondamentale delle persone in situazioni di fragilità, fisica ed emotiva".

"ll caregiver o “familiare assistente” è quindi una figura divenuta essenziale all’interno del nostro sistema socio-sanitario - rimarca il senatore Damiani - Purtroppo in Italia i caregiver risentono dei continui tagli ai fondi, sia nazionali che locali, e della carenza di assistenza domiciliare integrata (ADI). Per riconoscere al meglio il ruolo di questa figura ho presentato in Senato un disegno di legge che mira a valorizzare il caregiver familiare, in quanto investimento necessario per la sostenibilità del welfare soprattutto a causa dei cambiamenti demografici e della prolungata crisi economica". Punto di partenza della nuova normativa proposta è la definizione stessa di caregiver, contenuta nella legge n.205 del 2017, che non corrisponde alla terminologia in uso nell’Unione europea, creando problemi interpretativi.

"Il disegno di legge presentato al Senato si compone di otto articoli e prevede in primis l’armonizzazione della definizione di caregiver nella normativa nazionale con quella europea; iniziative nazionali, regionali e locali di sostegno del suo ruolo; contributi figurativi a carico dello Stato per un massimo di 5 anni, validi ai fini dell’accesso alla pensione di vecchiaia; riconoscimento di permessi lavorativi retribuiti; agevolazioni fiscali e detraibilità del 50% delle spese per le attività di cura, per un massimo di 10 mila euro annui; l’esonero dai contributi previdenziali per i datori di lavoro che hanno un caregiver come dipendente. Ritengo necessaria una riforma dell’assistenza familiare che riconosca finalmente il valore del supporto dato dal caregiver al proprio parente disabile o non autosufficiente. In un quadro socio-economico come quello attuale, caratterizzato da redditi familiari bassi, età media sempre più elevata e carenza di servizi pubblici alla persona, il caregiver è l’anello di congiunzione indispensabile fra pubblico e privato per fornire cure adeguate a chi versa in stato di bisogno all’interno del nucleo familiare. Mi che questo mio disegno di legge riprenda il suo cammino verso l'approvazione da parte del nuovo Parlamento subito dopo le elezioni", conclude il parlamentare azzurro.
 


Redazione



disabilità tumore







"Sotto i nostri piedi c'è un tesoro": a Barletta occultato dall'asfalto

“Il nuovo Piano Casa della Regione Puglia": convegno a Barletta