lunedė 24 gennaio 2022




Ultimissime:


Attualita
giovedė, 25  novembre 2021



11:33:00
Violenza sulle donne, "Pensate ancora di vivere in una favola?"
Una giovane studentessa del Liceo Linguistico di Andria ha voluto condividere un pensiero con la nostra redazione



La giovane studentessa barlettana Antonella Tristano del Liceo Linguistico di Andria ha voluto condividere un pensiero con la nostra redazione sulla Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Nonostante il passare degli anni abbia portato “alcuni” cambiamenti nell’ambito sociale per il ruolo femminile, siamo ancora costretti a parlare e denunciare le migliaia di violenze e molestie che ogni giorno le donne di tutto il mondo subiscono.

Donne che,purtroppo, nella loro grande battaglia, non sono affatto sostenute dalla società.  Il 23 novembre, di fatti, la Ministra Elena Bonetti ha esposto questa problematica davanti alla Camera. Risultato? Indifferenza totale. La stessa indifferenza con cui le vittime di violenza si scontrano ogni giorno. 
Cercano di superare, di scalfire, di abbattere questa porta postagli davanti, ma purtroppo non sanno che quest’ultima non si scalfirà e non cadrà mai.

Dall’altra parte ,infatti, uomini e donne sostenitrici del sistema patriarcale la spingono e la sorreggono con tutte le forze.  Il motivo? Semplice. Far cadere una società portata avanti da anni e ormai “stabile” fa paura. Questa paura ci porta ad essere tutti, in uguale maniera, egoisti. “Se io sto bene, perché dovrei fare  qualcosa?”

E mentre noi ci convinciamo di vivere in un paese stupendo che offre mimose e cioccolatini alle proprie mogli e fidanzate per l’8 marzo, dall’inizio dell’anno fino ad oggi, i femminicidi compiuti sono stati 103, 1 donna ogni tre giorni viene uccisa nella sua stessa casa, METÀ  DEGLI OMICIDI COMPIUTI IN ITALIA SONO FEMMINICIDI, e non siamo ancora alla fine del 2021.

Pensate ancora di vivere in una favola?



Redazione



violenza-sulle-donne







Violenza sulle donne, Chiumeo: "Ci vogliono più atti concreti"

Dopo Lopalco lascia Bray in Regione Puglia, delega alla cultura a Emiliano