martedė 9 marzo 2021


Ultimissime:


Attualita
martedė, 19  gennaio 2021



16:30:00
Navigator in scadenza, Caracciolo: "Il governo intervenga per prorogare il servizio"
"Abbiamo il dovere di salvaguardare la posizione di questi lavoratori e delle loro famiglie



"In questa difficile congiuntura economica il compito svolto dai navigator si sta rivelando di grande supporto a chi percepisce il reddito di cittadinanza ma anche alle aziende. Bisogna prorogare il servizio in scadenza il prossimo aprile e bene ha fatto l'assessore regionale al lavoro Sebastiano Leo a sollecitare il governo in tal senso". Ad intervenire sul tema è il consigliere regionale e presidente del gruppo PD Filippo Caracciolo.

"Nel corso di questi mesi di attività - spiega Caracciolo - i navigator hanno dimostrato l'importanza del loro ruolo. Fondamentale è stata l'azione sui territori a supporto dei beneficiari del reddito di cittadinanza ed altrettanto utile quella in raccordo con le aziende e i centri per l'impiego finalizzata alla rilevazione di opportunità lavorative. Al momento la legge nazionale di bilancio non prevede il rinnovo del contratto per questi lavoratori, tale decisione rappresenterebbe un grosso danno per tutto il territorio".

"Ad oggi - prosegue il consigliere regionale - sono 248 i navigator pugliesi la cui posizione è in bilico. La Regione Puglia pur non avendo potere decisionale sul possibile rinnovo del contratto si sta attivando per chiedere al governo di intervenire per non dilapidare il lavoro svolto in questi mesi. L'assessore al lavoro Sebastiano Leo sta infatti provvedendo a chiedere che l’argomento sia inserito tra i punti all'ordine del giorno della prossima IX Commissione della Conferenza delle Regioni a cui partecipano gli assessori di tutte le regioni italiane".

"In momento delicato come quello che stiamo vivendo - conclude Caracciolo - abbiamo il dovere di salvaguardare la posizione di questi lavoratori e delle loro famiglie".


Redazione



regione-puglia filippo-caracciolo







Ristorazione, Damiani: "Occorre tavolo di confronto permanente con le categorie"

Il PSR Puglia delude i giovani pugliesi: finanziabile solo il 20% delle domande