domenica 17 gennaio 2021


Ultimissime:


Politica
sabato, 28  novembre 2020



08:30:00
Accordo Emiliano e M5S: gli attivisti di Barletta: "Ci dissociamo dalla questa condotta"
"Non siamo disposti a barattare coerenza e principi per qualche poltrona"



"I consiglieri comunali e tutti gli attivisti firmatari del Movimento 5 Stelle di Barletta intendono dissociarsi dalla condotta politica che 4 consiglieri regionali eletti stanno tenendo, accettando ruoli e poltrone normalmente appannaggio della maggioranza che ha vinto le elezioni regionali dello scorso settembre. A comunicarlo sono gli stessi attivisti del Moviemento cinque stelle sui propri profili Facebook.

Il responso delle urne è stato chiaro e non dà adito ad interpretazioni diverse dal fatto che i pugliesi hanno scelto di mandarci all’opposizione di Emiliano, da cui abbiamo sempre manifestato, durante tutta la campagna elettorale scorsa, la nostra lontananza e il nostro essere alternativi al suo modo di intendere la politica e gestire la cosa pubblica.

Una visione lontana anni luce da quella del Movimento 5 Stelle impegnato con Antonella Laricchia a cercare di dare una prospettiva diversa alla Puglia.
Negli ultimi 5 anni il nostro gruppo consiliare in regione ha combattuto questa visione ed evidenziato ad ogni occasione le mancanze e gli errori che hanno costellato l’amministrazione Emiliano, a partire dalla gestione dei PSR e della politica agricola, fino allo scempio della sanità pubblica con il caos e i disastri che la pandemia di Coronavirus sta mettendo in evidenza. L’incapacità e l’incompetenza di Emiliano e dei suoi assessori trova nella situazione socio-sanitaria attuale della BAT la sua massima espressione, difficilmente si sarebbe potuto fare di peggio. Neanche volendo.

Per questo consideriamo inaccettabile che 4 singoli consiglieri regionali, senza rendere conto del loro operato al territorio di appartenenza, senza neanche attendere una consultazione che comunque consideriamo assurda, in modo del tutto autoreferenziale e verticistico, decidano di intraprendere un percorso di collaborazione con il presidente Emiliano, con l’avallo di un capo politico reggente che non ha nessun mandato per poterlo fare, sostituendosi agli iscritti, alle loro deliberazioni e alla loro volontà.

Abbiamo affrontato una campagna elettorale difficile che ci ha visti, sin dalle prime battute e dalla sua impostazione iniziale, posizionarci su idee e progetti ben precisi. Alternativi a destra e sinistra, che rappresentano tuttora modelli fallimentari di gestione. Abbiamo presentato le nostre proposte in ogni angolo della Puglia gridando forte la nostra diversità e la nostra coerenza a valori e principi insindacabili. Se per qualcuno quelle parole erano solo propaganda politica e vuote promesse elettorali, di certo non lo erano e non lo sono per noi, che rivendichiamo la coerenza di seguirli, anche se queste ci portano all’opposizione.

Non siamo disposti a barattare coerenza e principi per qualche poltrona e giudichiamo risibili e strampalate le giustificazioni di chi vuole solo accordarsi perché giudica inconcludente e troppo faticoso stare altri 5 anni all’opposizione. Pretendiamo che i nostri portavoce eletti seguano la stessa linea, rispettando quanto detto, non solo in campagna elettorale, ma in tutti questi anni di lotta in consiglio regionale contro chi ora cerca di comprare per quattro soldi un intero movimento politico tramite pochi personaggi che non ne hanno né il diritto né la proprietà.

Pretendiamo quindi che i consiglieri regionali Dibari, Barone, Casili e Galante, rispettino non solo i tantissimi pugliesi che hanno votato il Movimento 5 Stelle pensando di votare per una alternativa alla vecchia politica, ma anche i tantissimi portavoce locali e attivisti che si sono impegnati a fondo in una campagna elettorale che li ha visti rieletti grazie al loro impegno. Che non può essere calpestato e ignorato in questo modo. Per il bene non solo del Movimento pugliese ma anche della intera politica regionale, che di trasformisti e voltagabbana ne ha già visti tanti, anzi troppi


Redazione



puglia regione-puglia movimento-5-stelle







Fornitura buste 2021, a Barletta porta a porta in via sperimentale

Inchiesta sulla morte della mamma 41enne affetta da Covid