giovedý 2 luglio 2020


Ultimissime:


Politica
martedý, 31  marzo 2020



12:00:00
Buoni Spesa, a chi andranno e come richiederli
La comunicazione da Palazzo di Città



I criteri stabiliti 
dall’Amministrazione comunale di Barletta, in linea con le direttive 
dettate dal Governo, per individuare gli aventi diritto che saranno 
destinatari dei Buoni Spesa sono:

-       essere in una situazione di difficoltà economica e di perdita della 
propria capacità reddituale a causa del Coronavirus;
-       la residenza nel comune di Barletta all’8 marzo 2020;
Tali criteri sono stati approvati nel pomeriggio dalla giunta comunale. 
In questo modo il comune di Barletta potrà erogare la somma che il 
governo ha stanziato, pari a 852.014 euro.
Si ricorda che si tratta di una misura straordinaria, una tantum.
L’esecutivo, inoltre ha stabilito una somma di 150 euro a persona che, a 
seconda della composizione del nucleo familiare, si moltiplicheranno per 
il numero di persone che compongono lo stesso fino a un massimo di 750 
euro.
I richiedenti, inoltre, dovranno sottoscrivere una liberatoria con la 
quale si autorizza il Comune a compiere verifiche su depositi bancari o 
postali, con la giacenza media al mese precedente che rispetti i 
seguenti parametri:
-       se un nucleo familiare è composto da una persona, un deposito 
superiore a 3.000 euro comporterà l’esclusione dalla misura del Buono 
spesa. Per ogni persona è previsto un incremento del limite di 1.500 
euro. Esempio, per una famiglia di due persone il limite è 4.500 euro; 
per tre persone 6.000 euro, per 4 persone 7.500 euro, fino a un massimo 
di 9.000 euro per 5 persone e oltre.

Chi ha diritto ai Buoni Spesa?
Chi è stato direttamente colpito nella propria economia familiare 
dall’emergenza legata al Covid19 in maniera tale da essere, attualmente, 
in serie difficoltà economiche. Si ricorda, infatti, che tali buoni sono 
spendibili per l’acquisto di generi alimentari di prima necessità. Su 
tutti, dunque, ci sono coloro che a causa del Coronavirus hanno perso la 
propria fonte di reddito e che, non usufruendo di ulteriori forme di 
integrazione al reddito (quali Reddito di cittadinanza, Reddito di 
dignità (RED), assegno terzo figlio o pensioni, hanno la priorità nel 
beneficiare di questa misura straordinaria.
In un secondo momento si potrebbe pensare anche ai nuclei familiari 
percettori di integrazioni al reddito inferiori a 150 euro a persona, 
tale somma potrà essere integrata, ai destinatari della misura dei 600 
euro che non li abbiano già ricevuti, come pure ai dipendenti in cassa 
integrazione che non la abbiano ancora ricevuta e che non sia stata 
anticipata dai datori di lavoro.
Tale “scorrimento” potrà essere possibile in due casi: se la domanda di 
buoni sarà inferiore rispetto alla somma di cui si dispone e se tale 
somma sarà rimpinguata dal Governo.
Si ricorda, inoltre, che il Comune di Barletta ha aperto un conto 
corrente per raccogliere donazioni destinate a sostenere le fasce 
socialmente fragili della cittadinanza, colpite dalla situazione 
economica determinata dal contagio.

Come si ottengono i buoni?
Sarà predisposto a brevissimo un modulo che si potrà scaricare 
direttamente dal portale web del comune di Barletta, da compilare e 
inviare per mail ai Servizi Sociali. L’altro modo è chiamare dei numeri 
di telefono dedicati, in attivazione e che saranno comunicati, che 
indirizzeranno gli utenti ai Servizi sociali per la compilazione del 
modulo, nel quale sarà necessario inserire i propri dati anagrafici, 
compreso il codice fiscale e quelli degli altri componenti della 
famiglia.

Dove spendere i buoni Spesa
I buoni, da 50 euro l’uno, saranno spendibili negli esercizi commerciali 
che vendono generi alimentari (e che saranno a breve comunicati) 
asseconda della zona in cui si risiede. Preliminarmente la città sarà 
suddivisa in tre zone, Borgovilla, Settefrati e Santa Maria, a cui 
corrisponderanno altrettanti colori.


Redazione










Diversi cassonetti in fiamme

Servizi cimiteriali: “Dipendenti senza dispositivi di sicurezza”