giovedý 21 gennaio 2021


Ultimissime:


Cronaca
martedý, 17  novembre 2020



09:37:00
Nella Bat controlli dei Carabinieri e multe salate per il contenimento da COVID-19
Le attività di controllo si protrarranno anche nei prossimi giorni



Dal 9 al 15 novembre scorso i Carabinieri del Gruppo di Trani, operanti su tutta la BAT, hanno ulteriormente intensificato i controlli al fine di far osservare i decreti governativi e regionali nonché le ordinanze sindacali in materia di contenimento del fenomeno pandemico Sars-Cov 2.

Le attività sono state compiute dai militari dell’articolazione territoriale supportati da assetti di reparti speciali e mobili dell’11° Reggimento Carabinieri “Puglia”.

Nel dettaglio, nel territorio della Compagnia di Trani (che include anche il comune di Bisceglie) sono state controllate:
-       834 persone controllate di cui 36 sanzionate ed una deferita in stato di libertà per minacce e resistenza a pubblico ufficiale;
-       2 esercizi commerciali controllati di cui 1 sanzionato con 3.900 euro di sanzione amministrativa per una lavoratrice irregolare contestata dal Nucleo Carabinieri Ispettorato del lavoro di Bari;
nel territorio della Compagnia di Andria (che include anche Minervino Murge, Spinazzola e Canosa di Puglia):
-       453 persone controllate di cui 75 sanzionate;
-       33 esercizi commerciali controllati di cui 2 sanzionati e 3 sottoposti a chiusura per violazione alla normativa per il contenimento del fenomeno pandemico;
nell’ambito della Compagnia di Barletta (che include anche Trinitapoli, San Ferdinando di Puglia e Margherita di Savoia):
-       558 persone controllate di cui 30 sanzionate;
-       46 esercizi commerciali controllati.

Le attività di controllo si protrarranno anche nei prossimi giorni intervenendo negli orari e nelle località ove maggiore è la concentrazione di persone, anche con l’ausilio delle rispettive forze di Polizia locale.
 


Redazione



coronavirus







Vaccini, FNOPI: "La Puglia non può imporre obblighi agli operatori sanitari"

Conversione dell'ospedale "Dimiccoli" di Barletta, Damiani: "Scelta illogica"