mercoledý 21 febbraio 2024




Ultimissime:


Politica
mercoledý, 10  gennaio 2018



10:29:00
Carmela Peschechera lascia il PD
La decisione della Presidente del Consiglio Comunale di Barletta



Decide di lasciare il Partito Democratico, a pochi mesi dal voto, Carmela Peschechera, dal 2013, Presidente del Consiglio Comunale di Barletta.
L'Avv. Peschechera risultò nella passata competizione elettorale amministrativa la più suffragata tra i consiglieri eletti con più di mille preferenze.


< più al Gruppo del PD.
Ero entrata nel Partito Democratico sin dalla sua nascita nel 2007, invitata da alcuni amici dei DS che
mi volevano nella nuova “creatura” politica perché rappresentavo la c.d. Società Civile.
Partecipai e contribuii, quindi, in qualità di delegata regionale per la Puglia, alla concretizzazione di
un progetto politico che sommava, senza fondere, personalità e personalismi contrastanti, accostando
due anime che forse non si sono mai amate sinceramente.
Ma il progetto "PD", in quel momento storico, era l'unico che pareva dare la speranza che gli ideali
di una sinistra in senso ampio potessero continuare a vivere.
Con questa fiducia accettai nell'Aprile 2013 l’invito a candidarmi al Consiglio comunale e ne risultai
eletta.
Essendo orgogliosamente Italiana nonché professionalmente un’operatrice del Diritto, sono
innamorata della nostra Costituzione e quindi anche dell’Istituzione “Partito” di cui all’art. 49 della
Carta: “...associarsi liberamente per concorrere con metodo democratico a determinare la politica
nazionale.”
Il partito dovrebbe essere il luogo del confronto che implica lo scontro anche forte purché LEALE,
CORRETTO, EDUCATO perché finalizzato a costruire.
Purtroppo in questi anni abbiamo ed ho vissuto innumerevoli episodi e vicende che hanno avuto
invece la direzione dell’autodistruzione del Partito e delle persone che lo compongono.
Far parte di un partito non può implicare il sentirsi " costretti" nel senso di limitati nella propria
libertà.
Piuttosto far parte di esso, come di ogni gruppo, deve educare la nostra libertà a condividere le idee,
a rispettare quelle contrarie alle nostre, ad abbandonare la propensione all'individualismo e al
personalismo esasperato che tanti danni ha fatto e può fare.
Oggi non ho più la fiducia che nel 2007 mi spinse a condividere con entusiasmo il sorgere di un nuovo
soggetto politico perché quel progetto è stato stravolto senza evolversi.
Quello che sta accadendo nella mia città in vista dei prossimi appuntamenti elettorali ne é un esempio.
Sì ripropongono schemi ispirati a logiche politiche "vecchie" senza considerare che la gente comune
è stanca ed esasperata da una politica che sembra operare solo per se stessa e non per la res publica.
Di fronte a schieramenti che in modo palese sono solo esclusivamente strategici per la conquista di
posizionamenti personali, è arduo far comprendere alla gente che un Partito esista ancora.
Più volte in questi anni, ed in particolare nell' ultimo anno, ho espresso le mie preoccupazioni per la
sorte del PD ai Responsabili nazionali, regionali, provinciali, cittadini; ho posto domande; denunciato
criticità. Non ho ricevuto risposte ma solo totale indifferenza.

In questi anni quello che era il mio Partito è rimasto, altresì, indifferente di fronte ad episodi gravi,
offensivi del mio ruolo e della mia persona, anche quale donna, verificatisi in alcune sedute del
consiglio comunale che presiedo.
Silenzio assoluto dei rappresentanti del Pd che invece non sono affatto avari di parole quando si tratta
di esprimere auguri, solidarietà o vicinanza morale a iscritte/i del Pd o di partiti di opposizione di
altre città pugliesi.
E allora perché fingere che si voglia riconoscere spazio a figure nuove, magari donne, competenti,
impegnate nel sociale, ecc. ecc., se poi una volta raccolto il consenso elettorale, si fa di tutto per
eliminarle con metodi non certo politici, e rispristinare così equilibri antichi che con le candidature
“fresche” si è voluto far credere di superare?
Questo quesito, da me formulato già alcuni mesi fa, è rimasto anch’esso senza seguito.
Per tutti questi motivi, non riconoscendomi in una politica che non ha lo sguardo attento, vigile e
disponibile verso chi ha di fronte, ho deciso di non voler più appartenere al gruppo politico del “PD”>>.

Avv. Carmela Peschechera


Redazione










Coldiretti: "Campagne discariche a cielo aperto"

Arrestato rumeno nelle campagne di Andria