lunedė 30 gennaio 2023




Ultimissime:


Politica
giovedė, 18  agosto 2022



11:54:00
La formazione delle liste PD della Bat è assolutamente al di sotto di ogni legittima aspettativa
Scarsa considerazione riservata ai nostri territori



Il risultato raggiunto con la formazione delle liste PD della Bat è assolutamente al di sotto di ogni
legittima aspettativa.
I vertici nazionali hanno avallato un’operazione che non è stata in alcun modo condivisa con i
livelli locali e che, di fatto, ha sancito una profonda spaccatura nel territorio che difficilmente
potrà essere sanata in tempi brevi.
Il risultato che abbiamo sotto gli occhi denuncia la conclamata assenza del criterio di parità di
genere nella formazione delle liste, con l'eclatante caso della immotivata esclusione della
Sottosegretaria all'Innovazione Tecnologica, Assuntela Messina.
La disparità di trattamento si è riverberata anche su base geografica, atteso che le istanze
delle città più grandi sono state semplicemente ignorate.
L'interesse dei nostri dirigenti si è limitato ad elargire pochi attestati di fedeltà senza tentare di
realizzare una lista forte e condivisa.
Ci aspettavamo maggiore equilibrio e capacità di ascolto da parte dell’On. Francesco Boccia,
responsabile Regioni ed Enti Locali nella segreteria nazionale, che nella composizione delle liste
del nostro territorio ha giocato certamente un ruolo importante.
Invece ci ritroviamo la sua candidatura blindata al Senato e al resto della Bat soltanto le
briciole: una partita difficilissima nel collegio camerale uninominale Andria 03 con il candidato
tranese Fabrizio Ferrante e qualche chance di elezione in più per la seconda candidata nel
listino proporzionale della Camera, Debora Ciliento, candidata a sua insaputa, anche lei
tranese e non a caso principale riferimento dell’on. Boccia in consiglio regionale.
Mentre in posizione non eleggibile è stato inserito, sempre a sua insaputa, il Presidente del
Consiglio di Andria, Giovanni Vurchio. Nulla da dire sull’autorevolezza dei candidati Ferrante e
Ciliento, indubbiamente personalità di spicco del partito, ma si rischia di trasformare la
campagna elettorale in una partita limitata alla città di Trani.
È difficile decifrare la logica politica sottesa da queste scelte irrazionali che indeboliscono
oggettivamente la capacità del PD di intercettare consenso elettorale nell'intera provincia.

Spiace constatare che mentre le associazioni locali cercavano di unire la coalizione di centro-
sinistra promuovendo discussioni su candidature civiche che rafforzassero la lista del PD, i vertici

nazionali del Partito si preoccupavano di far “quadrare i conti” a spese dell’autonomia
decisionale dei territori.
Come spiegare, altrimenti, la mancata riconferma della Sottosegretaria Messina nella lista del
Senato a favore di notabili del partito calati dalla Campania e dalla Lombardia?
Il clima complessivo che si registra nel PD provinciale è di nervosismo e fibrillazione, causato
dalle logiche personalistiche e di corrente che hanno schiacciato ogni istanza politica e
territoriale. Prendiamo atto con disappunto che le sezioni Pd di Andria e Barletta non hanno
meritato ascolto neppure durante la fase delle consultazioni e conseguentemente
rivendichiamo la nostra completa estraneità alle scelte operate.
Una difficile campagna elettorale che nasce sotto i peggiori auspici anche per merito
dell'incapacità dei vertici di comprendere quali fossero le dinamiche virtuose per agevolare la
vittoria in uno dei pochi collegi realmente contendibili della nostra Regione.
Solo il nostro senso di responsabilità ci porterà ad impegnarci nella competizione elettorale che
potrebbe risultare addirittura esiziale per i destini nazionali, ma possiamo assicurare che della

scarsa considerazione riservata ai nostri territori ci ricorderemo nelle successive fasi di
riorganizzazione del Partito Democratico in Puglia.

Lorenzo Marchio Rossi, sub Commissario del Partito Democratico Andria
Michele Di Lorenzo, capogruppo consilare Pd Andria
Antonio Gorgoglione, presidente Pd Barletta
Rosa Cascella, segretario Pd Barletta
Lilli Di Fazio, già segretario provinciale Pd Bat


Redazione










Rosa Cascella: “Ingiusta scelta dei vertici del PD di non candidare Messina”

Guardia dì finanza: tra Barletta, Andria e Bisceglie 21 lavoratori in nero e 4 irregolari