mercoledė 22 marzo 2023




Ultimissime:


Attualita
lunedė, 28  novembre 2022



08:00:00
"Il tuo è il ricordo di un sorriso": lettera degli amici del cortile di don Giuseppe
"Don Giuseppe grazie per il ricordo che di te per la fine dei nostri giorni ci porteremo dentro"



Nicola, Gaetano, Davide, Vincenzo, Michele, Cosimo Damiano, Ruggiero, i gemelli Michele e Giuseppe hanno voluto dare il loro personale ricordo di don Giuseppe Tupputi, parroco presso la parrocchia dello Spirito Santo nei fine anni 90.

"Lacio Drom Don Giuseppe…se ricordi bene “Lacio Drom” era il titolo di una canzone di una band che con
noi ascoltavi condividendo le cuffiette attaccate ai nostri walkman, lì in quel cortile dello Spirito Santo, lì
dove di tanto in tanto ti capitava di fermarti nel mentre adocchiavi i nostri talenti che si perdevano dietro ad
un pallone.

Lacio Drom don Giuseppe e grazie per il ricordo che di te per la fine dei nostri giorni ci porteremo dentro, il
tuo cercarci tra i banchi della chiesa durante la messa della messa della domenica mattina, il tuo cercarci tra
le inutili parole del catechismo, il tuo batterti per il rispetto dei Sacramenti, il tuo amore smisurato per la
Santa Madre Chiesa, il tuo non perdere mai di vista il Senso della Vita.

Il tuo ricordo è il bussare senza voler troppo disturbare per entrare nelle nostre vite di adolescenti, il tuo
ricordo è quello di una persona che un giorno arriva dal nulla e senza avvisare…il tuo è il ricordo di un
sorriso, il tuo è il ricordo della parola giusta al momento giusto, il tuo è il ricordo di una parola di conforto
ma che sa essere anche di coraggio. Il tuo ricordo è uno sguardo carico di ottimismo verso il futuro, il tuo
ricordo sono le parole di Gesù che per noi si facevano semplici da capire…

Il tuo è il ricordo di chi, di tanto in tanto, la sorpresa la fa lui a te…
Benedici i nostri figli e prega per le nostre famiglie…
Lacio Drom nostro grande amico dei nostri tormentanti anni di infanzia…"

 


Redazione



ricordo amici







Sistemato il corrimano e rimosse le scritte al sottopasso tra via Milano a Barletta

Boccia: "La Costituzione è antifascista, la difendiamo dal presidenzialismo"